Varese News

Fondi Pnrr, Somma Lombardo spera: “Anche un parco in terreno tolto alla mafia”

Nuovi spazi in biblioteca, una ciclopedonale, nuovo verde attrezzato in un'area sequestrata alla mafia: sono i progetti fin qui esclusi dal finanziamento. Il sindaco: "Confidiamo vengano accettati"

Somma Lombardo generiche

Il “caso Pnrr” arriva sul tavolo del ministro Lamorgese e anche Somma Lombardo può sperare di essere “ripescata” per ottenere i fondi. In ballo ci sono tre progetti, tra spazi per la cultura (sotto la biblioteca, nella foto di apertura), mobilità sostenibile  e aree verdi, che il Comune vorrebbe poter avviare.

Ci spera il sindaco Stefano Bellaria, a fronte dell’ultima notizia che vede un impegno del ministro nell’affrontare la questione dei Comuni “bocciati” nella prima distribuzione dei fondi: «Ringrazio il Senatore Alfieri per l’impegno profuso per garantire il possibile finanziamento di tutti i progetti in graduatoria» dice Bellaria. «Importante anche l’iniziativa messa in campo dal Sindaco di Varese Galimberti e dal Presidente della Provincia Antonelli che han convocato gli amministratori locali dei comuni con più di quindicimila abitanti al fine di condividere idee, progetti e strategie in vista dei prossimi bandi PNRR».

«Il territorio deve fare squadra e apprezzo molto che due amministratori di spicco come Galimberti e Antonelli traccino la strada. Abbiamo scritto alla Ministra Lamorgese per richiedere il finanziamento di tutti i progetti ammessi nell’ultimo bando di rigenerazione urbana. Abbiamo anche suggerito l’adozione di alcuni criteri che possano favorire una più equa, diffusa ed efficace distribuzione delle risorse».

I tre progetti presentati da Somma Lombardo per il Pnrr

Il “caso Pnrr” ruota intorno al fatto che i Comuni del Nord sono stati penalizzati rispetto a quelli del Sud, hanno denunciato Lega e Pd. Di fatto il bando ha premiato tre città – Varese, Saronno e Samarate – mentre altre sono rimaste escluse.

La Città di Somma Lombardo ha partecipato al bando con tre progetti, che ora appunto spera siano “ripescati” e finanziati.
Il primo riguarda la riqualificazione del seminterrato della biblioteca per realizzare spazi attrezzati polivalenti a disposizione di studenti, associazioni e fruitori dell’area sportiva.
Secondo progetto propone la realizzazione del parco della legalità nell’area ex Piccola Capri, un’area sottratta alla mafia, quindi particolarmente significativa.
Terzo intervento: la realizzazione di un collegamento tra la frazione di Maddalena ed il suo cimitero.

casa confiscata mafia somma lombardo piccola capri
L’area della “Piccola Capri”

«Tre progetti finalizzati ad aumentare la fruizione di spazi pubblici a fini sociali. Confidiamo nella accettazione delle nostre proposte» conclude il sindaco Bellaria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore