I migliori talenti italiani a Carnago: chi vince si veste di tricolore

Sabato 25 (partenza ore 13, arrivo verso le 17) il GP Carnaghese assegna anche la maglia di Campione d'Italia under 23. 177 i corridori impegnati sul circuito del Seprio

simone consonni ciclismo gp carnaghese

Il fascino della maglia tricolore sbarca a Carnago. Domani – sabato 25 giugno – si disputa sulle strade del Circuito del Seprio il Campionato Italiano under 23 di ciclismo su strada in prova unica, un appuntamento molto sentito per la categoria che è la “porta di entrata” verso il professionismo.

Una competizione che negli anni ha spesso incoronato talenti poi capaci di farsi notare anche tra i grandi come Damiano Caruso (2008), Matteo Trentin (2011) o Gianni Moscon (2015) solo per limitarsi agli esempi recenti degli ultimi quindici anni. La Federazione ha premiato, con questa scelta, la lunga attività della Società Ciclistica Carnaghese, oggi presieduta da Adriano Zanzi, un club a vocazione internazionale che avrà l’onore di ospitare una gara di alto livello come quella che assegna il massimo titolo giovanile. (foto in alto: Simone Consonni vince a Carnago in maglia tricolore)

Al via ci saranno 177 corridori chiamati a misurarsi sulla distanza dei 170 chilometri: il “conto” è semplice perché il gruppo dovrà percorrere per dieci volte il consueto “Circuito del Seprio”, che non presenta grandi difficoltà altimetriche ma che è ugualmente in grado di fare selezione con i suoi cambi di ritmo. E l’arrivo non è scontato, perché poco prima della retta finale gli atleti devono superare una salita breve ma piuttosto ripida, capace di sparigliare le carte in tavola.

La gara è valida anche come 50a edizione del Gran Premio Industria Commercio e Artigianato Carnaghese, una “classica” di casa nostra che per otto anni è stata aperta anche ai professionisti: qui hanno vinto atleti del calibro di Gerrans, Basso, Ginanni, Visconti e Ulissi tra gli altri. In questo caso il programma prevede la presentazione delle squadre a partire dalle ore 11; il via sarà dato alle 13 in punto mentre l’arrivo è previsto intorno alle 17.

«Per la nostra società ciclistica è un onore poter organizzare la prova tricolore degli under 23 – spiega Zanzi alla vigilia della corsa – dopo avere già mandato in scena per due volte il campionato italiano juniores. Il ringraziamento va alla Federazione per la fiducia che ci ha dimostrato, a tutti coloro, privati, enti e istituzioni, che sono al nostro fianco e a tutti i volontari che da tempo lavorano alacremente per la buona riuscita dell’evento».

Tra le formazioni impegnate spiccano tutti i grandi gruppi sportivi giovanili nazionali, dalla Zalf alla Colpack, dalla Beltrami alla Biesse e via dicendo. Sulla linea di partenza anche il team giovanile della Eolo-Kometa che ha nel valtellinese Piganzoli, fresco di titolo U23 a cronometro, il proprio talento principale. Diversi gli atleti tesserati per squadre estere, sia “locali” come il Velo Club Mendrisio, sia legate a team di grande rilevanza come Israel (Frigo), DSM (Milesi), Astana (Toneatti) o Groupama (Germani) solo per fermarsi ai nomi più noti.

IL PERCORSO – Carnago – Solbiate Arno  (circonvallazione) – Solbiate Arno (GPM) – Caronno Varesino – Carnago (Respiro) – Gornate Olona – Torba – Castelseprio (GPM) – Ponte Tenore – Carnago.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 24 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore