Da Milano Cadorna parte la campagna di installazione dei defibrillatori nelle stazioni

Inaugurato oggi il primo dispositivo a disposizione del pubblico. Il piano prevede di attrezzare tutte le stazioni della rete FerrovieNord in territorio lombardo (e anche le tre in territorio piemontese)

Generico 25 Jul 2022

Ha preso avvio oggi da Milano Cadorna la campagna di installazione dei defibrillatori che vedrà tutte le stazioni della rete di FerrovieNord dotate di un dispositivo elettromedicale accessibile al pubblico e monitorato da remoto. Alla presentazione del primo defibrillatore, posto nell’atrio della stazione milanese, sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi e il presidente di FerrovieNord Fulvio Caradonna.

DEFIBRILLATORI PROTETTI E PRONTI ALL’USO – Per garantire l’efficienza e la visibilità in stazione del defibrillatore, ogni dispositivo è collocato all’interno di una teca allarmata e in grado di proteggere il dispositivo da liquidi e polveri. Un’apposita segnaletica indica la posizione del defibrillatore in maniera ben visibile e univoca al pubblico, secondo la codificazione internazionale corrente, mentre un pannello informativo antipanico fornisce indicazioni per il corretto utilizzo del dispositivo e le procedure da seguire in caso di arresto cardiaco. All’interno di ogni teca, oltre all’apparecchio, è presente un kit di primo soccorso per la defibrillazione e la rianimazione cardio polmonare. Il defibrillatore è adatto anche all’utilizzo pediatrico.

CONNESSI E MONITORATI DA REMOTO – Ogni defibrillatore è dotato di connettività per essere monitorato da remoto da parte del personale FerrovieNord che può verificare l’eventuale utilizzo da parte del pubblico, il superamento dei test giornalieri autodiagnostici, lo stato di carica delle batterie e la rilevazione di avvisi automatici in caso di anomalia per un pronto intervento di riparazione. Tutti i defibrillatori sono inoltre registrati presso le centrali operative del sistema di emergenza sanitaria di Regione Lombardia e Regione Piemonte (per le stazioni di Ponte Ticino, Galliate e Novara Nord).

Generico 25 Jul 2022

PROSSIME INSTALLAZIONI – Dopo l’avvio a Milano Cadorna, il programma di installazione dei defibrillatori prevede entro agosto la posa dei dispositivi nelle stazioni di a Milano Bovisa, Saronno, Como Borghi, Como Lago, Asso, Varese Nord, Laveno Mombello, Busto Arsizio, Novara e Iseo. La campagna proseguirà quindi nei mesi successivi fino a coprire FerrovieNord tutte le 115 stazioni della rete di FerrovieNord
«Oggi inauguriamo un servizio che va a beneficio non solo dei viaggiatori ma anche di chi frequenta l’ambiente ferroviario e che testimonia la grande attenzione da parte di FerrovieNord nei confronti dell’utenza. La campagna rappresenta infatti un passo importante per tutelare la sicurezza dei cittadini: nell’agosto del 2021 la legge italiana è intervenuta proprio a questo proposito e la presenza dei defibrillatori nelle stazioni può garantire un intervento tempestivo che può salvare la vita» ha detto l’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi.

«La presenza di un defibrillatore in stazione è un elemento di grande importanza per tutelare la salute delle persone – ha aggiunto Fulvio Caradonna, presidente diFerrovieNord –. Partiamo da Milano Cadorna per realizzare una campagna che prevede la copertura di tutta la nostra rete con dispositivi connessi e monitorati da remoto, in modo da garantirne costantemente la piena efficienza: un elemento che può risultare decisivo in caso di necessità di intervento».

Le FerrovieNord gestiscono le linee da Milano per Saronno, Malpensa, Novara, Como Lago, Varese-Laveno Mombello, nonché la Milano-Asso, la Saronno-Seregno e la Brescia-Iseo-Edolo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore