Ecco i candidati del Pd in provincia di Varese, li guidano Alfieri e Roberto Rampi

Al Nazareno a Roma sono state definite le candidature nei collegi uninominali e proporzionale. Ecco tutti i nomi: la vera partita è sulla lista proporzionale. "E ora partiamo con la campagna elettorale sui temi concreti"

alessandro alfieri

Dopo un giorno e una notte di attesa, il Partito Democratico ha definito le candidature per Camera e Senato nei collegi di tutta Italia. E quindi anche per la provincia di Varese, in un complesso gioco d’incastri che riguarda tutti i partiti (ma soprattutto quelli più grandi, che guidano coalizioni).

I candidati di punta – quelli collocati in posizioni con più possibilità di essere eletti – per la provincia di Varese sono Alessandro Alfieri al Senato e Roberto Rampi alla Camera. Ma ecco tutti i nomi.

I collegi uninominali
Partiamo dai collegi uninominali, quelli in cui la sfida – per il Pd e il centrosinistra è più tosta, dal momento che la provincia di Varese è considerata molto orientata al centrodestra: negli uninominali vince, semplicemente, la coalizione che prende un voto in più. E il candidato della coalizione  che vince prende il posto, alla Camera o al Senato, senza spazi per altri.

Nel collegio Camera uninominale di Varese, che comprende la città e tutto il Nord provincia (qui trovate la divisione esatta Comune per Comune), il nome espresso dalla coalizione di centrosinistra è quello di Matteo Capriolo, consigliere comunale a Varese, il più votato dopo Andrea Civati alle ultime elezioni.

Per il collegio di Busto Arsizio, che comprende tutto il Sud Provincia, la candidata alla Camera è invece Noemi Cauzzo, avvocato. In una prima versione della lista compariva in questa “casella” il nome di  Erica D’Adda, già senatrice nella legislatura 2013-2018:il nome è stato però poi smentito con nota dal segretario provinciale Gianni Corbo, dall’interessata e dal segretario bustocco Paolo Pedotti.

Per quanto riguarda il collegio uninominale del Senato (Varese, Como, Monza e Brianza, Sondrio, Lecco) il candidato del centrosinistra è invece Orlando Rinaldi, segretario del Psi di Varese.

La lista Pd al proporzionale: i candidati Pd alla Camera in provincia di Varese

Fin qui gli uninominali, che appunto sono nomi di coalizione.
Ma siccome difficile è per il centrosinistra toccare palla in questi territori, per capire chi ha possibilità di essere eletto bisogna andare al listino proporzionale di partito: qui vengono eletti i parlamentari sulla base delle percentuali ottenute dai singoli partiti nei singoli collegi.

Per quanto riguarda la Camera in testa alla lista – e dunque con concrete possibilità di essere eletto – c’è Roberto Rampi, parlamentare uscente di Monza e Brianza (era al Senato): con la ridefinizione dei collegi viene ricandidato nel collegio Camera della provincia di Varese.
Sotto al suo nome ci saranno poi – dalla provincia di Varese – Debora Pacchioni (consigliere comunale di Cislago), Valerio Langé (da Laveno Mombello), Noemi Cauzzo (da Varese),

La lista Pd al proporzionale: i candidati Pd al Senato in provincia di Varese

Quanto al Senato, il posto di capolista va ad Alessandro Alfieri, uscente di Palazzo Madama, dove era in Commissione Esteri.
Dietro di lui la provincia di Varese nella lista proporzionale-plurinominale sarà rappresentata anche da Rosanna Leotta (consigliere a Saronno) e Francesco Calò (assessore all’urbanistica a Somma Lombardo).

Fin qui il difficile lavoro di “incastri” dei collegi a livello nazionale, fase complessa e su cui il Pd ha cercato di dare un segnale arrivando a definizione con qualche giorno di anticipo rispetto alla scadenza (il 21 agosto). «Abbiamo chiuso le liste e ora partiamo con la campagna elettorale, toccando temi concreti, come la difesa ambiente, la tutela del lavoro, il sostegno a salari e pensioni» commenta Alessandro Alfieri.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 16 Agosto 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore