Varese News

Ferno accoglie il nuovo comandante di Polizia Locale: “Inizia una nuova pagina”

Presentato ufficialmente il nuovo comandante Nicolò Rachele, insieme alla nuova agente Elisa Bonfiglio. La sindaca Foti ha poi presentato il progetto delle nuove assunzioni e quello di riportare la sede degli agenti in centro al paese

polizia locale ferno nuovo comandante Rachele

«Siamo qua per ascoltare le necessità e le problematiche del cittadino e per risolvere: ma ciò che conta veramente è la vicinanza con un sorriso. Il cittadino deve sentirsi protetto, al sicuro e protetto e vogliamo far sentire Ferno e Malpensa al sicuro»: con queste parole il nuovo comandante della Polizia Locale di Ferno, Nicolò Rachele, ha ufficialmente preso servizio nel paese di Malpensa.

La presentazione del nuovo comandante è avvenuta questa mattina, sabato 26 novembre, davanti alla comunità e al consiglio comunale, anche se Rachele ha già preso servizio da metà ottobre. Insieme a Rachele è stata presentata anche la nuova agente, Elisa Bonfiglio.

A salutarlo la sindaca, Sarah Foti: «Ci siamo immediatamente trovati in linea con il comandante. Ferno è fiera di avere il proprio comando di polizia e il proprio comandante. Per il nostro paese inizia una nuova pagina tra il potenziamento della polizia e gli obiettivi da raggiungere». Il nuovo inizio di Ferno è stato dettato soprattutto dallo scioglimento dell’Unione dei Comuni di Lonate Pozzolo e Ferno, a partire da inizio anno, che ha avuto come conseguenza principale la suddivisione del comando di Polizia Locale e il rientro degli agenti e del comando amministrativo nei rispettivi paesi.

«Cominciamo dall’anno zero perché nel 1998, quando sono diventata sindaco,avevamo tre agenti a tempo pieno e uno part-time. Eravamo alle porte di Malpensa 2000 e dalla sera alla mattina abbiamo dovuto mettere 33 persone; in questi anni è stata fatta una politica che non guardava avanti, si è fermata: da 33 agenti si è arrivati a 11, sia per la normativa sia per delle scelte», ha commentato la vicesindaca Claudia Colombo, «essendoci divisi Ferno si è trovata nella situazione peggiore che si potesse pensare».

La Polizia Locale torna a Ferno

Ora il corpo di Polizia ha quattro agenti e il comandante, ma si punta ad arrivare a sette entro la primavera 2023: hanno fatto due convenzioni con il comune di Borgo Lavezzaro, «che ci ha permesso di far arrivare l’agente Bonfiglio», e anche con il comune di Paullo al cui concorso il comandante era arrivato terzo. Ed il comandante Emanuele Mattei ha vinto il concorso a Città di Castello, è andato lo scorso 14 novembre. 

Rachele è comandante da metà ottobre, ma l’amministrazione non si ferma: il prossimo 13 dicembre sulla gazzetta ufficiale verrà pubblicato il concorso per assumere altri due agenti e averli per febbraio. «Non dobbiamo lasciare l’aeroporto e abbiamo bisogno del corpo di Polizia e ci adopereremo per aumentare il numero di agenti. L’aeroporto è la nostra terra, il nostro Comune: dobbiamo esserci non con il soffio del comune di Lonate che vuole impossessarsi della nostra terra», ha concluso Colombo.

 Foti ha presentato il progetto di riportare la Polizia Locale in centro e darle una sede (nell’immobile di via Roma 29), per due motivi:  «Garantire nel nostro centro storico e in tutto il paese una maggiore percezione di sicurezza, e poi avere la sede in centro al paese non può che dare prestigio al centro storico e rivitalizzare ciò che forse si sta un po’ spegnendo e che noi non vogliamo. Si creerebbe movimento di persone nel paese, rendendolo più appetibile sotto molti aspetti e dando prestigio ai negozi. Lo studio e il progetto richiedono due anni, nel frattempo la polizia locale verrà fatta trasferire nel palazzo comunale (come era in passato) in via provvisoria».

“Mi sono sentito in famiglia”

«Ringrazio i miei genitori e i miei nonni perché è grazie a loro se sono quello che sono oggi. Quando sono arrivato a ottobre mi sono trovato subito in famiglia, già con l’Unione ero venuto qui a fare un corso tecnico operativo. Ringrazio Mattei per la fiducia; arrivo con grande carica: sarò un comandante diverso, visionario, che si fa vedere in paese perché la vicinanza è importante», ha affermato Rachele, assicurando di non volere mai che «qualcuno pensasse che noi siamo sempre e solo a Malpensa».

Clima collaborativo con la comunità

«La Polizia Locale deve sviluppare quel criterio di aiuto collaborativo perché  possa ascoltare le necessità di tutti i cittadini. Sono certa che la nostra comunità le offrirà un’ottima accoglienza e un clima propositivo per costituire un sistema di sicurezza sulla competenza del corpo di polizia locale e sulla fiducia del cittadino», lo ha salutato Pierangela Cassinerio, presidente del consiglio comunale.

Soddisfatto anche l’ex vicesindaco Mauro Cerutti, ora consigliere di minoranza: «Dichiaro massima soddisfazione di avere continuità perché il corpo di polizia di Ferno ha subito un travaglio e alcune fasi non tanto belle. Il nostro paese ha un grande cuore: dobbiamo collaborare per dargli la massima sicurezza».

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 26 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore