Pagelle Pro Patria: Citterio e l’eurogol sotto l’albero, Boffelli difende e impenna, altro assist per Ndrecka

I voti della Pro Patria il giorno dopo la vittoria contro il Sangiuliano. L'influenza non fa paura, anzi, fa correre i tigrotti. Tutti sopra la sufficienza in una partita di sacrificio che a 2' dalla fine rischiava di scivolare verso il pareggio

Pro Patria - Sangiuliano Citu (17 dicembre 2022)

DEL FAVERO 6: A due minuti dal terzo clean sheet consecutivo viene beffato dal pallone a campanile innalzato da Lombardoni. Il Sangiuliano gioca la maggior parte della ripresa nella metà campo dei tigrotti ma la Pro Patria rischia pochissimo, se non per un’uscita un po’ maldestra nel secondo tempo a cui però mette rimedio

VAGHI 6,5: Una partita coriacea sia nella difesa a tre che sull’esterno, in fascia. Sta vivendo un buon momento dal punto di fisico, gli acciacchi influenzali dei compagni di reparto non spaventano Vargas che può contare sul suo jolly, un D’ambrosio, vien da dire, visto il passato dell’ex terzino che ha trascorso diversi anni con le casacche giovanili dell’Inter.

LOMBARDONI 6+: Anche contro il Sangiuliano domina tutti i duelli contro la punta, concedendosi anche un’uscita tra due attaccanti molto elegante. Da contraltare l’auto-traversa a fine primo tempo (pallone comunque tolto al tapin di Anastasia) e l’autogol, una “spizzata” su un cross decisamente più innocuo che complica la partita dei tigrotti a giochi ormai fatti. Ci penserà Citterio.

BOFFELLI 7: Il migliore del pacchetto difensivo, a partire dal gol: un taglio vincente sul secondo palo da calcio da fermo. Secondo gol stagionale, quarto del reparto, tutti pesante.

Magia di Citterio: la Pro Patria vince nel recupero contro il Sangiuliano City

VEZZONI 6,5: Tra i migliori nella prima frazione, facendosi trovare molto propositivo anche oltre la linea di metà campo e conquistando il calcio di punizione che porta la Pro Patria sull’1 a 0. Nel secondo tempo cala di prestazione, anche perché i tigrotti abbassano il baricentro e il numero 11 non riesce più a mettere in mostra il suo dinamismo. E dire che arrivava anche lui dall’influenza.

dal 70′ MOLINARI 6,5: Un girone d’andata molto complicato dal punto di vista fisico. Saprà scalare nuovamente le gerarchie che l’anno scorso lo vedevano sempre schierato – anche se quest’anno l’asticella si è alzato grazie alla qualità dei compagni. Ieri il primo passo, venti minuti di solidità: bentornato.

NICCO 6: Inizia bene, ritagliandosi anche un’occasione da rete con un tiro da fuori, ma poi la partita del numero 10 va in calando, garantendo comunque una prestazione sufficiente dal punto di vista difensivo. Più impreciso del solito però in fase di rifinitura e di impostazione.

FIETTA 6,5: Numeri alla mano, da quando il capitano è al timone del centrocampo e nel cuore del rettangolo di gioco la Pro Patria ha svoltato, ingranando cinque risultati utili consecutivi con tre vittorie in fila. Certamente i meriti sono da distribuire con tutti i compagni di squadra: il ritorno di Brignoli e Bertoni potrebbe dare parecchi grattacapi a Vargas, che sceglierà il giocatore “filtro” tra reparti in base alle caratteristiche degli avversari. Vinto il duello a distanza e sul campo con il corrispettivo gialloverde Morosini.

GAVIOLI 6,5: Delle tre giocate da titolare (11 le complessive) quella di ieri allo Speroni è stata di gran lunga la partita migliore. Tanto dinamicità e diversi acuti per spingere la squadra nell’ultimo terzo di campo, dove la Pro Patria staziona dei primi 30 minuti del match. Poi però un giallo assolutamente gratuito (ma non grave – come diceva Maurizio Mosca) che lo costringe a qualche rinuncia e qualche concessione alle transizioni di Fusi, Guidetti e alle altre maglie gialloverdi.

dal 63′ PITOU 6+: Continua a raccogliere minutaggio, anche se da spezzoni di partita. Accieca gli avversari, spiazzandoli, con la sua tecnica ma a volte è acciecato nelle scelte dalla frenesia di voler essere determinante come all’esordio. Bene, molto bene, per il carattere, che però va dosato.

NDRECKA 7: Torna a marchiare la partita con un bellissimo cross per Boffelli in occasione del vantaggio che vale la quarta assistenza personale in stagionale. Per il resto solita prestazione su tutta la fascia che gli garantiscono il solito voto oltre la sufficienza.

Calcio, Serie C: Pro Patria – Sangiuliano City in diretta

STANZANI 6+: Una partita di sacrificio in nome del collettivo, giocata molto lontano dalla porta  ma molto vicino al portatore di palla avversario, anche sulla batteria esterna. Bene ma non benissimo su almeno due ripartenze non capitalizzate, una di queste macchiata dal suo vezzo stilistico: il colpo di tacco, a volte più bello da vedere che efficace.

dal 83′ CITTERIO 7: Un finale di partita che non dimenticherà, prima salva la squadra su un tiro di Metilika, poi si inventa una traiettoria che fa lustrare gli occhi agli spettatori dello Speroni. E in sala stampa non trattiene tutta la sua gioia. Nell’ultima pagella (contro il Piacenza, leggi qui) gli avevamo dato mezzo voto in più per la tenacia che dimostra nei pochi minuti a disposizione, anche lontano dalla porta. Ieri si è preso qualcosa di molto più grande.

CASTELLI 6+: La sua partita è lo specchio della Pro Patria. Molto bene nel primo terzo di gara quando di testa va vicino due volte al gol, una volta murato all’ultimo grazie a un colpo di reni di Sposito. Poi la prima punta rimane troppo isolata dal resto delle squadra, tutta dietro alla linea del pallone

dal 70′ PIU 6+: Entra per dare maggiore profondità all’attacco e tenere su la squadra, caratteristiche più gli appartengono al compagno con la maglia numero 30. Svolge il suo compito per incanalare la partita, anche se la gara vive un finale “fuori dagli schemi”.

Vargas non guarda la classifica della Pro Patria: “Siamo solo a metà, ora ci aspetta la parte più difficile “

di marco.cippio.tresca@gmail.com
Pubblicato il 18 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore