Varese News

Benvenuto Adam: è il primo nato nel 2023 al Del Ponte di Varese

L’ultima a venire alla luce nel 2022 è Gloria, di Sesto Calende. Con 3.870 nati Asst Sette Laghi “si riconferma uno dei più grandi hub delle nascite in Lombardia”

Neonato nascita

Si spegne un anno con la gioia, e se ne accende un altro con altrettanta felicità: è tempo di bilanci anche per le maternità degli ospedali che come ogni anno offrono la curiosità di sapere chi sono gli ultimi nati. Gli ultimi tre parti del 2022 al polo materno infantile Filippo Del Ponte di Varese sono avvenuti tutti il 31 dicembre: Tommaso alle 17.53 (di Castellanza), Carlotta alle 18.32 (Saltrio) e Gloria, l’ultima nata nel 2022 arrivata da Sesto Calende: pesa 3700 grammi.

Tempo qualche ora ed ecco i primi due nati del 2023: sono Adam, di Gazzada Schianno, nato al Del Ponte alle 2.40; Leonardo è arrivato dopo l’alba, alle 7.26 ed è residente a Malnate. L’ultimo nato al Galmarini di Tradate è Riccardo venuto alla luce il 30 dicembre alle 18.20 (è di Cassano Magnago); a Cittiglio gli ultimi tre nati del 2022 sono una femmina, il 29 dicembre alle 22.25 di Travedona Monate, un’altra femmina il 30 dicembre alle 19.58 e un maschio alle 16.55 del 31 dicembre (in tutti e tre i casi i genitori non hanno autorizzato a divulgare i nomi dei bimbi).

L’ultimo vagito del 2022 e il primo del 2023 so sono dunque sentiti all’ospedale di Filippo Del Ponte di Varese.

In totale, nel 2022, i nati nei tre punti nascita della ASST dei Sette Laghi sono stati 3.876, con un calo di sole 6 nascite rispetto all’anno precedente. «Di fronte ad un quadro nazionale ancora purtroppo caratterizzato dal calo delle nascite, ASST Sette Laghi complessivamente conferma i numeri dello scorso anno sui tre punti nascita – sottolinea con soddisfazione il Prof. Massimo Agosti, Direttore del Dipartimento Materno-Infantile dell’ASST Sette Laghi – Si conferma il ruolo rilevante di punto nascita del Del Ponte con più di 2700 nascite all’anno, dato stabile e non in calo rispetto agli anni precedenti, nonostante il dato nazionale di denatalità. Da rilevare, inoltre, anche il risultato di Cittiglio, ben sopra quota 500 nati all’anno (che è la soglia individuata come standard di qualità per un centro nascita) e di Tradate, sopra i 600 nati/anno. ASST Sette Laghi mantiene così il proprio ruolo di sede di uno dei più grandi Hub delle nascite in Lombardia, con un’organizzazione sanitaria di rete così integrata da garantire la stessa qualità e completezza delle cure qualunque sia la sede aziendale a cui si rivolgono le pazienti. I nostri specialisti, infatti, prestano servizio a rotazione a Varese e nelle sedi spoke di Cittiglio e Tradate, oltre che ad Angera per il pre e post nascita, garantendo un’assistenza di alto livello ed una capacità attrattiva nei confronti delle donne, ma anche dei professionisti, evitando il ricorso a cooperative per la fornitura di personale medico. In sintesi, la squadra è ben rodata, il sistema pure, lo confermano i numeri importanti e l’elevata qualità. E siamo felici che le future mamme e i futuri papà capiscano e ci ripaghino scegliendo i nostri punti nascita!».

Spiega il Professor Fabio Ghezzi, Direttore dell’Ostetricia e Ginecologia e del Dipartimento della Medicina di Genere per la salute della Donna: «Nonostante i lavori che hanno portato alla realizzazione del nuovo reparto di Ostetricia all’Ospedale Del Ponte, inaugurato nel maggio scorso, i nati del 2022 sono sovrapponibili a quelli dell’anno precedente, un’eccezione per i punti nascita nazionali, anche per quelli più grandi – ASST Sette Laghi è davvero un grande punto nascita, non solo per i numeri, ma soprattutto per le persone che vi lavorano: mi riferisco a ostetriche, infermieri, operatori socio sanitari, medici e tutti coloro che con abnegazione si mettono a disposizione e si impegnano affinché una macchina così complessa possa funzionare al meglio. Come sempre, la differenza la fanno le persone e il fatto che tante famiglie scelgano le nostre strutture per vivere uno dei momenti più emozionanti della loro vita conferma l’ottimo lavoro svolto a Varese, come a Cittiglio e come a Tradate».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 Gennaio 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore