La Pro Patria lotta in dieci, il Padova vince 2-0

Allo "Speroni" Saporetti viene espulso dopo 17' di gioco e i veneti ne approfittano andando a segno con Valentini nel primo tempo, Jelenic e Radrezza nella ripresa

Non si sblocca la Pro Patria, che allo “Speroni” perde 3-0 contro il Padova, prolungando l’astinenza da gol e vittorie. A decidere e indirizzare la gara è però la decisione del direttore di gara di espellere Saporetti al 17′ del primo tempo dopo un corpo a corpo con Liguori. Una decisione molto contestata dai tigrotti in campo e in tribuna e che oggettivamente sembra non essere corretta. E così la Pro si ritrova a giocare per quasi tutta la gara in inferiorità numerica, e lo fa anche con buon carattere. Il Padova però non ha pietà, trova il vantaggio al 44′ del primo tempo con il colpo di testa vincente di Valentini su azione d’angolo e nella ripresa prima raddoppia con il tocco ravvicinato di Jelenic e chiude sul 3-0 nel recupero con Radrezza.

Per la Pro una sconfitta che fa male, un 3-0 che fa il bis con quello subito all’andata allo stadio “Euganeo”, anche se dalle dinamiche differenti. Oggi poco si può rimproverare ai tigrotti se non qualche distrazione di troppo nella ripresa, ma dovuta anche dalla stanchezza di giocare quasi tutta la gara in inferiorità numerica. La svolta però, arbitro o no, non è arrivata oggi e i ragazzi di mister Vargas dovranno ora cercare di armarsi al meglio e andare a conquistare punti tra una settimana in casa del Renate.

FISCHIO D’INIZIO
I tigrotti tornano allo “Speroni” con il doppio obiettivo di ritrovare gol – che manca da tre giornate – e vittoria, dato che l’ultimo successo risale al 2-1 del 17 dicembre scorso al Sangiuliano. Mister Jorge Vargas nel suo 3-5-2 schiera Vaghi, Lombardoni e Saporetti in difesa, Perotti e Ndrecka sulle fasce, Vezzoni invece agisce da mezzala con Fietta e Ferri a completare la mediana, mentre in avanti ci sono Pitou e Castelli. Il Padova di Vincenzo Torrente scende in attacco si affida De Marchi punta centrale con Liguori e Zanchi esterni d’attacco del 3-4-3.

PRIMO TEMPO
Parte bene la Pro, che al 10′ con Vezzoni si fa vedere dalle parti di Donnarumma, che però non si fa sorprendere e respinge. L’episodio che cambia la gara arriva al 17′, quando l’arbitro legge malissimo il contatto tra Saporetti e Liguori e anziché dare il fallo alla Pro Patria punisce il difensore biancoblu; a peggiorare le cose, lo espelle anche. In inferiorità numerica il Padova si fa pericoloso al 24′. È solo un lampo, la Pro dimostra un gran carattere, anche perché Vargas tiene i due attaccanti e per rinforzare la difesa inserisce Boffelli al posto di Vezzoni, un centrocampista. La squadra bustocca non solo difende con ordine, ma quando ha la possibilità prova anche a pungere, come al 35′ quando Ferri è autore di un pregevole spunto: pallonetto, sul difensore, possesso palla e destro deviato in angolo. Il Padova trova però il gol del vantaggio al 44′ su un corner regalato da Boffelli e Ndrecka: in area Valentini trova lo stacco giusto e di testa batte Del Favero per il gol dello 0-1. All’intervallo la Pro va così sotto di un gol e di un uomo.

SECONDO TEMPO
Riprende con buon piglio la Pro, che prova a mettere pressione alla difesa ospite, ma la prima vera occasione arriva al 4′ in area biancoblù con De Marchi che si ritrova da solo davanti a Del Favero dopo un rimpallo fortunoso ma spara altissimo da ottima posizione; lo stesso attaccante è sfortunato al 9′ quando di testa indirizza bene ma vede la palla sbattere sul palo. I tanti cambi abbassano i ritmi del gioco nella parte centrale della ripresa e questo fa il gioco del Padova, che gestisce e al 28′ raddoppia: Zanchi spezza in due la difesa tigrotta, poi Liguori serve nel cuore dell’area il neo entrato Jelenic che supera un non perfetto Del Favero, che si fa passare la palla sotto il corpo. Nel finale i tigrotti non hanno le energie per reagire ancora, mentre il Padova va ancora in rete nel recupero, al 47′, con Radrezza, che controlla un lancio lungo dalla difesa e batte Del Favero per il 3-0 che chiude la gara.

TABELLINO

PRO PATRIA – PADOVA 0-3 (0-1)
Marcatori: Valentini 43’PT; Jelenic 27’ ST; Radrezza 46’
PRO PATRIA (3-5-2):Del Favero; Vaghi, Lombardoni, Saporetti; Perotti(18’ ST Gavioli), Vezzoni(29’ PT Boffelli), Fietta(18’ ST Bertoni), Ferri, Ndrecka; Pitou(17’ ST Piu), Castelli(Citterio 30’ ST). A disposizione: Cassano, Molinari, Sportelli, Boffelli, Brignoli, Bertoni, Citterio, Piran, Gavioli, Stanzani,
Zanaboni, Piu. All.: J. Vargas
PADOVA (3-4-3): Donnarumma; Belli(18’ ST Franchini), Valentini, Delli Carri; Vasic, Dezi, Cretella(14’ ST Jelenic), Zanchi; Liguori(37’ ST Piovanello), De Marchi(15’ ST Ceravolo), Russini ( 36’ ST Radrezza)
A Disposizione: Zanellati, Rossi, Ilie, Piovanello, Ceravolo, Radrezza, Gagliano, Jelenic, Franchini. All.: V. Torrente.
Arbitro: Mastrodomenico di Matera (Renzullo Di Torre Del Greco, Miccoli Di Lanciano; IV Ufficiale: Isoardi Di Cuneo)
Ammoniti: Cretella, Perotti, Russini. Espulsi: 17’ PT Saporetti (PP); 5’ST Longo (allenatore in seconda del Padova). Angoli: 2-8. Recupero: 2’, 4’

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 21 Gennaio 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore