Romano: “Soddisfatto della decisione della giunta sulla costituzione di parte civile”

L'avvocato aveva sollecitato l'amministrazione a chiedere i danni: "Ci sono tutti i presupposti". La petizione è arrivata a 900 firme

gallarate generico

Letta la delibera con cui la giunta del Comune di Gallarate affida l’incarico per valutare la costituzione di parte civile, l’avvocato Pietro Romano esprime «soddisfazione per un atto necessario».

È per questo che Romano aveva sollecitato il sindaco Andrea Cassani, a settembre, lanciando anche una petizione pubblica perché il Comune chiedesse i danni al “gruppo Caianiello”.

«La petizione è arrivata a 900 firme, ci sono tante persone che mi hanno scritto, mi hanno fatto avere i moduli con l’adesione di altre persone» racconta.

«La delibera dice che si devono valutare i presupposti, credo che questi ci siano tutti» continua Romano. Da un lato perché c’è un Pgt costato 280mila euro e finito nel cestino (per effetto di una serie di manovre corruttive che hanno convolto più persone, dentro e fuori l’istituzione pubblica), dall’altro perché la giurisprudenza riconosce «il danno d’immagine nei processi per corruzione che coinvolgono enti pubblici», spesso valutati con cifre a cinque zeri.e

«Auspico anzi che venga presentata una richiesta di provvisionale», vale a dire un risarcimento già in sede penale, anticipo su eventuali ulteriori danni da definire in sede civile.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 16 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore