I sindacati lombardi: “Lo dicono i cinesi: fermiamoci per la vita”

Il comunicato unitario di Cgil, Cisl, Uil Lombardia dopo le parole del vicepresidente della croce Rossa Cinese

donazione cinese all'Ospedale di Busto Arsizio

Pubblichiamo integralmente il comunicato unitario di Cgil, Cisl, Uil Lombardia dopo le parole del vicepresidente della croce Rossa Cinese. 

Speriamo che le parole pronunciate oggi a Milano dal Vicepresidente della Croce Rossa cinese «Bisogna fermare le attività economiche e fermare la mobilità: tutti devono poter proteggere la propria vita» e «Non abbiamo altra scelta di fronte alla vita» siano ascoltate dal Governo italiano e dalla nostra Regione più di quanto non sono state ascoltate le richieste e i crescenti appelli di CGIL CISL e UIL, da quindici giorni a questa parte.

Sospendere tutte le attività non essenziali e indispensabili alla sopravvivenza, ridurre gli orari di apertura dei grandi centri commerciali e chiuderli la domenica, chiudere le poste e le banche e limitarsi a garantire i servizi on-line, rinviare tutte le scadenze.

Questo serve per non dare più a nessuno un motivo o una scusa per uscire di casa che non siano la cura, l’approvvigionamento alimentare e il lavoro nei servizi e nelle produzioni che non si possono sospendere.

Non è ancora troppo tardi. Facciamolo subito. Fermiamoci per la vita!

Cgil Lombardia
Il Segretario Generale
Elena Lattuada

Cisl Lombardia
Il Segretario Generale
Ugo Duci

Uil Milano Lombardia
Il Segretario Generale
Danilo Margaritella

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore