I dati del contagio nelle case di riposo? “Bisogna chiederli alle Ats”

Il presidente della Regione ha fatto il punto a metà giornata. Dati sui contagi positivi, "ma è necessario rimanere rigorosi". Palazzo Lombardia ha stanziato 500mila euro per le Polizie Locali, per aumentare i controlli

Generico 2018

Quanti contagiati ci sono nelle case di riposo di Lombardia? Quanti sono i morti? «Bisogna chiederlo all’Ats, l’attività è comunque controllata e monitorata» da Regione Lombardia. Così ha risposto il presidente  Attilio Fontana, alla domanda specifica sui dati – ancora incerti – sul contagio nelle Resistenze Sanitarie Assistenziali, dove il quadro preoccupa per i troppi morti registrati in diverse strutture.

Fontana, rispondendo alle domande dei sindaci dei capoluoghi (fonte anche di polemica politica), aveva ricordato che nelle RSA si è contingentato subito l’accesso di visitatori e che nuove “apposite linee guida” sono state deliberate dalla giunta il 30 marzo. “Anche sugli operatori delle RSA sono previste le procedure di monitoraggio sintomatico riservate agli operatori sanitari, con rilevazione della temperatura e, ove sia superiore ai 37,5 °C, l’esecuzione del tampone rinofaringeo e la sospensione delle attività”.

Quanto ai dati precisi, appunto, il governatore ha rimandato alle Aziende di Tutela della Salute, l’articolazione territoriale di Regione Lombardia.

Quanto ai numeri in generale, facendo il punto a metà giornata Fontana ha detto che «anche oggi vediamo trend positivi», con una linea grafica dei contagiati registrati che «continua a rimanere di “pianura”, non cresce». «Nei prossimi giorni dovrebbero iniziare le discese».

Fontana ha ribadito la «necessità di essere rigorosi» nell’applicazione del distanziamento e isolamento sociale. La Regione, di suo, ha stanziato «un finanziamento ai Comuni di 500mila euro per i lavoro delle Polizie Locali», per aumentare le attività di controllo anche in vista delle festività pasquali: «quest’anno non si potrà girare, si dovrà essere severi».

Qualche nota di speranza, oggi, viene dall’Università di Pavia, dove è a buon punto il test sierologico per rilevare gli anticorpi nelle persone contagiate e guarite: «Siamo in una fase di quasi conclusione della sperimentazione. Potremo individuare le persone che hanno già superato la malattia e potranno essere immuni: saranno importanti perché potranno riprendere attività lavorativa senza conseguenza per sè e per gli altri».

Infine, il riferimento alla querelle sulle mascherine: «Domani daremo tutti i numeri del materiale ricevuto da Protezione Civile» ha detto Fontana. Sottointeso: renderanno chiara l’insufficiente risposta. Anticipando i dati, il presidente della Regione ha detto che la Lombardia ha «consumato 10milioni di mascherine» a fronte di un fabbisogno quantificato in 30 milioni: «Dalla protezione civile abbiamo ricevuto 2 milioni comprese le 800mila “Swift“», quelle su cui c’era stata particolare polemica. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore