Air Food, Forza Italia chiede l’intervento delle istituzioni

Milena Melato definisce la fuga di Air Food come “la spia di un disagio occupazionale che rischia di abbattersi sul territorio”

Milena melato

“Bisogna scongiurare il trasloco di Air Food. Devono intervenire il Comune, la Provincia e la Regione”. Air Food lascia Cardano al Campo, e Forza Italia alza la voce. La commissaria Milena Melato ha rilasciato delle dichiarazioni per richiamare le istituzioni sul tema.

“La vicenda della società Air food di Cardano al Campo è preoccupante non solo di per sé, per il destino di 60 lavoratori dipendenti che dovrebbero trasferirsi a Roma per mantenere il loro posto di lavoro, ma soprattutto come possibile spia di un disagio occupazionale nell’indotto aeroportuale che rischia di creare un impatto molto pesante sulla città e su tutto il territorio attorno a Malpensa. Per questo motivo, auspico che le istituzioni, a tutti i livelli, dal Comune di Cardano al Campo alla Provincia di Varese alla Regione Lombardia, possano rendersi protagoniste di qualsiasi azione che sappia rivelarsi utile per scongiurare la dismissione della sede di via Papa Giovanni XXIII.

L’invito è al sindaco Maurizio Colombo, al presidente della Provincia e ai rappresentanti in Regione e in Parlamento “a prendere contatti con i vertici aziendali e con le organizzazioni sindacali per avviare un tavolo di trattativa che possa individuare una soluzione più sostenibile per i dipendenti Air Food di Cardano al Campo”.

“Ma alla luce di questa vicenda, esortiamo le istituzioni e la politica il suo complesso ad impegnarsi a tutti i livelli per porre al centro dell’attenzione delle istituzioni la situazione occupazionale dell’aeroporto di Malpensa, e in particolare di tutte quelle aziende dell’indotto che, nel complesso a, rappresentano la prima industria del nostro territorio. In un momento di incertezza legato alla ripartenza del settore del trasporto aereo e del turismo in seguito all’emergenza Covid, servirebbero politiche mirate a tutela dell’occupazione di Malpensa e del suo indotto, prevedendo ad esempio estensioni della cassa integrazione straordinaria e in deroga per tutti i lavoratori che orbitano attorno all’aeroporto e incentivi ad hoc per l’insediamento delle imprese nel tessuto produttivo dell’area di Malpensa”.

”Un primo, significativo passo è stato compiuto grazie ai rappresentanti di Forza Italia in Parlamento, in particolare l’Onorevole Giusy Versace eletta nel collegio della camera di Varese, che hanno tempestivamente raccolto le sollecitazioni arrivate dal territorio e sono riusciti a farsi accogliere dal governo, nell’ambito della discussione sul decreto rilancio, un ordine del giorno a favore dei dipendenti e delle imprese del settore dell’handling, che prevede “l’opportunità di consentire l’accesso alla cassa integrazione anche in assenza del requisito di anzianità, di escludere dal computo per i limiti temporali i periodi di integrazione salariale dovuti alla pandemia e di prevedere una deroga al contributo straordinario a carico delle aziende”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore