Varese News

Busto Arsizio, nessun aumento per la Tari e sconti per la domiciliazione bancaria

L'impegno dell'amministrazione comunale per sostenere famiglie e aziende in difficoltà

palazzo gilardoni comune busto

Non si ferma l’impegno dell’Amministrazione comunale di Busto Arsizio per cercare di attenuare le difficoltà economiche che cittadini e imprese stanno vivendo dopo l’emergenza Covid.

In particolare, dopo il varo della manovra milionaria che ha permesso di affrontare le problematiche più strettamente legate all’emergenza, all’introduzione di sconti per cinque mesi sulla tariffa rifiuti per tutte le attività produttive, all’esenzione della tassa di occupazione del suolo pubblico fino alla fine dell’anno  per i pubblici esercizi, l’attenzione dell’Amministrazione è stata rivolta ad evitare aumenti di tasse che possano ulteriormente appesantire i bilanci familiari e aziendali.

In questi giorni, è stato congelato l’aumento della TARI del 5% previsto dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti Ambiente): i cittadini non dovranno mettere mano al portafoglio per pagare questo aumento perché si è trovata la copertura finanziaria necessaria a evitare l’aumento.

«Faremo anche in modo di mostrare ai cittadini e imprese quale sia la maggiorazione da non pagare, inserendo nella bolletta lo sconto sul totale» afferma l’assessore al bilancio Paola Magugliani.

«Purtroppo ci troviamo a fare i conti con obblighi imposti dall’alto che rischiano di impattare sulle tasche di cittadini e imprese in un momento difficile – continua l’assessore –. L’obiettivo è quello di evitare di pesare ulteriormente sui contribuenti, anche se non è facile mantenere gli equilibri di un bilancio già segnato dall’emergenza».

«Un’altra iniziativa importante a cui tengo molto, come ho già annunciato qualche settimana fa, è lo sconto di 10 euro sulla TARI, che partirà subito in caso di domiciliazione bancaria, con il triplo obiettivo – spiega Magugliani – di semplificare le procedure di pagamento per i cittadini a cui offriamo anche un piccolo “premio”, di garantire all’Amministrazione la certezza, puntualità e continuità dell’entrata, e di ridurre nel tempo l’accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità, che è uno degli aspetti più problematici del bilancio».

L’Amministrazione sta inoltre valutando la possibilità di introdurre sconti per chi paga le altre tasse e servizi comunali, come TARI, IMU o affitti e servizi alla persona, con la domiciliazione bancaria.

«Ringrazio le forze politiche di maggioranza per il lavoro fatto in questi mesi, e tutti coloro che, da più parti, hanno proposto, supportato e contribuito alle azioni intraprese a sostegno delle famiglie, delle imprese, e di tutte le realtà cosi duramente provate dagli effetti di questo periodo di emergenza Covid, che con fatica e impegno stiamo tutti lottando per lasciarci alle spalle» conclude l’assessore.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 04 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore