Varese News

A Olgiate Olona nasce il primo “bosco del respiro”

Dieci piante di Paulownia ricordano le vittime del Covid e regalano ossigeno alla cittadina: è il primo Comune a passare alla fase operativa del progetto ideato dall'associazione Iris di Samarate

funerale rasa tre bare

Il 21 novembre è la Giornata Nazionale degli alberi. E proprio in questa giornata ricca di significato l’amministrazione comunale di Olgiate Olona ha deciso di celebrare una cerimonia altrettanto ricca di significati. Se non di più, visto il periodo storico che stiamo vivendo.

Accogliendo e facendo proprio il progetto “ Il bosco del respiro” dell’associazione Iris di Samarate, sono state messe a dimora nel parco di via Morelli, dieci piante di Paulownia , una per ogni cittadino che il Covid si è portato via in questo comune.

Le piccole piante, disposte in un grande cerchio, crescendo, realizzeranno con le loro chiome , dalle foglie imponenti, un monumento verde e vivo, per ricordare, ma soprattutto per alimentare la speranza e la forza in chi resta.

Alla cerimonia, sotto un beneaugurante cielo blu, erano presenti il vicesindaco e assessore al territorio Paolo Maccabei, l’assessore all’ambiente Leonardo Richiusa, l’assessore ai Servizi sociali e salute Mauro Carnelosso e il consigliere delegato alla sicurezza Sabrina Monfrini.

Con la competenza professionale del giardiniere Gerardo di Verde + di Marnate, ogni piantina ha trovato il suo posto nel grande cerchio della vita voluto dall’amministrazione. L’associazione Iris Samarate, presente con il suo presidente, Francesco Tiziani, la responsabile verde Emanuela Signorini e un socio fondatore, Sergio Mazza, ha dato inizio così nel parco di Olgiate Olona al progetto che la impegnerà per tutto il 2021.

Grazie a questa idea, l’associazione porterà ai comuni che lo vorranno, gratuitamente, il progetto “Il bosco del respiro”. L’idea è molto semplice: mettere a dimora, su suolo pubblico, piante di Paulownia, una per ogni vittima della pandemia.

Come la malattia ha sottratto ossigeno ai malati, portandoli alla morte, così le Paulownie produrranno e regaleranno a tutti ossigeno, per dimostrare che la vita è sempre più forte della morte. Questa pianta infatti associa a una crescita velocissima, una produzione di ossigeno come nessun’altra pianta riesce a fare. In più, le sue grandi foglie vellutate hanno la particolarità , non da poco, di trattenere le polveri sottili. A questo progetto Iris Samarate hanno aderito già sette comuni della provincia di Varese. Ma interessati sono anche alcuni comuni della Puglia e del Veneto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore