“L’obesità va riconosciuta come malattia e va potenziata la chirurgia bariatrica”

Il consiglio regionale ha approvato una mozione presentata da Luca Del Gobbo di "Noi con l'Italia"

obesità

«L’obesità va riconosciuta come malattia e va potenziata la chirurgia bariatrica, anche attraverso la creazione di nuovi centri specializzati in Lombardia»». È il contenuto della mozione che presentata oggi da Luca Del Gobbo, consigliere regionale di “Noi con l’Italia” e che il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato.

«In Italia – ha spiegato Del Gobbo – gli obesi sono circa sei milioni, il 10% della popolazione (percentuale sovrapponibile in Lombardia). Parliamo di persone che, se non curate, hanno una aspettativa di vita inferiore di 10 anni rispetto ai normopesi e un’incidenza delle patologie tumorali più alta del 10%. Purtroppo, in generale esiste una scarsa consapevolezza di come il bisturi possa rappresentare, nei casi più gravi, l’unica “arma” per allungare la vita e assicurare una cura definitiva nel 60/80% dei casi».

Del Gobbo ha individuata alcune soluzioni approvate dall’aula consiliare: «Ho chiesto al Presidente Fontana e alla sua giunta di attivarsi innanzitutto per promuovere una campagna di sensibilizzazione e educazione alimentare, cominciando dalle scuole: prevenire è sempre meglio che curare. Poi, in collaborazione con le ASST del territorio, va potenziata la conoscenza delle possibilità offerte dalla chirurgia bariatrica, anche attraverso la creazione di nuovi centri accreditati. I numeri – conclude Del Gobbo – ci dicono che fin qua abbiamo sottovalutato troppo questa patologia. Il risultato raggiunto oggi con l’approvazione della mozione ci mette sulla buona strada per recuperare terreno».

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 02 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore