A Gallarate si impara la sicurezza stradale con il campione paraolimpico Liverani

Insieme ad Andrea Liverani, bronzo a Tokyo, anche l'atleta Massimiliano Manfredi per sensibilizzare sul tema della sicurezza stradale

sicurezza stradale Gallarate

«La strada è caotica e bisogna andarci com rispetto e attenzione, perché basta un attimo»: le parole dell’assessora alla Sicurezza di Gallarate, Francesca Caruso, hanno aperto la giornata dedicata alla sicurezza stradale insieme alle scuole superiori di Gallarate e Varese e alle terze medie dell’istituto Gerolamo Cardano.

Gli studenti hanno assistito alla simulazione di un incidente – inscenato dalle forze di Polizia Locale insieme alla Croce Rossa – e alle modalità di soccorso che si attivano dopo lo scontro tra una macchina e un motorino.

Il progetto, il dodicesimo in Lombardia, è stato possibile grazie alla sinergia tra l’amministrazione, Regione Lombardia e le scuole del territorio (tra queste, l’isis Falcone è la scuola capofila).

sicurezza stradale Gallarate

Lo sport come rinascita

«Queste iniziative sono importantissime sia per i ragazzi sia per noi atleti vittime di traumi stradali», racconta Massimiliano Manfredi, atleta di Polha e Stella di bronzo al merito sportivo paraolimpico, e il motivo è duplice: «La prevenzione e la sicurezza stradale sono fondamentali perché altre persone non vengano colpite come noi; la consapevolezza è importantissima.

sicurezza stradale Gallarate
Massimiliano Manfredi

Manfredi, insieme ad Andrea Liverani (medaglia di bronzo a Tokyo nella carabina dai 10 metri), non solo ha sensibilizzato i ragazzi sul tema della sicurezza stradale, ma ha anche testimoniato come lo sport gli abbia dato una seconda possibilità: «Per noi poterci confrontare e portare la nostra testimonianza ai ragazzi è importantissimo. Noi abbiamo bisogno di comunicare che lo sport significa rinascita, ma anche che la prevenzione a 360 gradi è necessaria sempre: perfino per noi che ce l’abbiamo fatta, perché tanti altri non ce l’hanno fatta e non sono con noi a parlare ai ragazzi».

sicurezza stradale Gallarate
Andrea Liverani

«Io non avevo mai visto un incidente in motorino – ha affermato Liverani – e l’impatto che può subire una persona anche a 20/30 all’ora può far davvero male. È davvero importante per i ragazzi giovani, che a questa età hanno a che fare con i motori.» e proprio per questo motivo progetti come questo sono essenziali per adolescenti che iniziano ad usare motorini: «Il progetto è iniziato quando sono tornato da Tokyo e ne vado molto orgoglioso. Ho avuto un incidente 11 anni fa e lo sport mi ha ridato l’autonomia».

L’attenzione prima di tutto

Presente all’iniziativa l’ex ministro Marco Bussetti: «Per chi lavora nella scuola è importante questo tipo di attenzione: grazie a Regione e al Comune per aver organizzato. È importante vedere cosa succede quando non si sta attenti e non si rispettano le norme della sicurezza stradale». A portare i saluti dell’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato, l’ingegnera ambientale Fiorella Daniele: «Il progetto è motivatore di emozioni, vi auguro di essere sempre ambasciatori di sicurezza stradale».

«La sicurezza stradale – ha continuato l’assessora Caruso – è un argomento a tutela della vita umana. La strada è caotica e bisogna andarci com rispetto e attenzione, perché basta un attimo». L’assessora ha ricordato che si tratta del sesto anno consecutivo che l’amministrazione porta avanti iniziative che affrontano il tema a tutto tondo: pochi giorni fa, infatti, l’assessora insieme alla sovraintendente di Polizia Locale Antonella Marciano ha iniziato a distribuire nelle scuole Usa la bici in sicurezza, il libro frutto dell’esperienza quadriennale fatta insieme a Ivan Basso.

Ha poi preso la parola Vito Ilacqua, dirigente del Falcone: «Il progetto è stato molto apprezzato dalla regione in ottica di prevenzione e attenzione. Il lavoro è per voi, siete il nostro capitale sociale: lavoriamo tutti per voi. Meglio sprecare qualche minuto per riflettere che non sprecare la vita in un minuto».

Infine, a salutare i ragazzi anche Loris Calipari, dirigente della fondazione “Marco Simoncelli”: «Dieci anni fa abbiamo preso in carico e portato avanti il sogno di Marco di fare qualcosa per i disabili. Noi vogliamo dare l’opportunità ai ragazzi disabili di farli sentire come noi».

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 19 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore