Varese News

Alessandro Maja torna in ospedale, slitta l’interrogatorio di garanzia a Busto Arsizio

Nella serata di giovedì il nuovo ricovero. I legali: “Non è in condizioni di parlare”. Il giudice convaliderà il fermo e lo sentirà non appena l’ospedale dimetterà l’uomo

Samarate omicidio

Alessandro Maja non è in condizioni di rispondere alle domande del giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio Luisa Bovitutti e rimarrà in ospedale al san Gerardo di Monza, dopo il ricovero nella serata di ieri.

L’omicida di Samarate, accusato di aver ucciso moglie e figlia e di aver tentato l’omicidio del figlio (ancora grave in ospedale a Varese) versa in “condizioni di salute non compatibili con la detenzione” come hanno spiegato nella mattinata di venerdì i legali Enrico Milani e Sabrina Lamera a margine dell’udienza di convalida del fermo di indiziati di delitto nella quale il pubblico ministero ha richiesto la custodia cautelare in carcere.

Si attende ora di capire come evolve il quadro clinico di Maja, che rimane piantonato in ospedale. Il gip avrà tempo di sentirlo entro cinque giorni dalle sue dimissioni dall’ospedale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore