Varese News

Sei palchi e più di 50 spettacoli, la stagione teatrale di Busto Arsizio si aspetta un grande pubblico

Lasciarsi alle spalle due anni difficili. Questo il mantra dei sei teatri (Lux, Manzoni, Sociale, Fratello Sole, San Giovanni Bosco, Spazio Teatro) che presentano il cartellone da novembre '22 a maggio '23

presentazione stagione teatrale 2022 2023 busto arsizio teatro manzoni

Dopo due anni di pausa forzata causata dalla pandemia, torna la stagione teatrale di Busto Arsizio con un cartellone coordinato e sostenuto dall’Amministrazione comunale.

“BA Teatro” è la storica sigla che raggruppa la programmazione dei teatri di Busto Arsizio che quest’anno sono diventati sei,  Fratello Sole, Lux, Manzoni, San Giovanni Bosco, Sociale, Spazio Teatro Alberto Caprioli. Si riparte, dunque, con una stagione intera e fatta da una serie di spettacoli di prosa, musica, cabaret, opera, teatro in lingua originale, iniziative per i più piccoli, insomma, un calendario ricco di proposte per tutte le età e tutti i gusti.

In questi mesi le sale hanno lavorato in sinergia per presentare delle proposte di qualità, innovative e non ripetitive, evitando il più possibile sovrapposizioni. La regia dell’Amministrazione, e in particolare dell’assessorato alla Cultura, ha avuto proprio lo scopo di rendere ancora più solida la collaborazione avviata attraverso il ‘tavolo teatri’, a cui siedono anche i teatri Sant’Anna e Aurora, che ha lavorato con notevole impegno per proporre stagione davvero ricca (più di 50 gli spettacoli in calendario) che ha poco da invidiare ad altre realtà.

Non poche le difficoltà affrontate in questi anni difficili. Cetti Fava di Spazio Teatro/Palkettostage ha ricordato come il 23 febbraio si ritrovò a cancellare qualcosa come 25 date da quasi 1000 studenti l’una, in giro per l’Italia. Palkettostage, infatti, produce in proprio spettacoli in lingua originale che vengono messi in scena per le scuole di tutta Italia, oltre che negli spazi di via Galvani: «Quest’anno siamo riusciti a raggiungere il numero di 12 date che è il minimo per stare in piedi» – ha detto con la voce rotta dall’emozione.

Anche Marco Bianchi del teatro Manzoni di via Calatafimi ha lanciato un appello per la sopravvivenza della scena teatrale: «Ringraziamo l’amministrazione che ci supporta sempre ma abbiamo bisogno di pubblico, tanto pubblico per assicurare la sopravvivenza di questa struttura». Ricco il cartellone offerto con compagnie di giro di caratura nazionale (con nomi come Ale&Franz, Gianfranco D’Angelo, Roberto Ciufoli, Massimo Dapporto) e un circuito di spettacoli con compagnie professionali ma meno note.

Sontuosa la stagione del teatro Sociale che porterà sul palco sia la prosa, varietà, lirica, musica con nomi del calibro di Elio che reinterpreta Jannacci o Sabina Guzzanti con Giorgio Tirabassi e molti altri.

Il risultato concreto della sinergia del tavolo è visibile nel pieghevole (che trovate in pdf alla fine dell’articolo, ndr), realizzato dalla tipografia comunale: si tratta di un vademecum che presenta gli spettacoli in ordine cronologico per permettere al pubblico di essere aggiornato sulle proposte giorno per giorno. L’opuscolo è in distribuzione negli spazi comunali ed è pubblicato sul sito del Comune e sui profili social.

«Considerando la violenza con cui la pandemia ha colpito il mondo dello spettacolo, questo è un giorno felice perché presentiamo una stagione che non solo riparte, ma vede anche un aumento del numero di teatri: ai cinque già presenti si aggiunge il Lux di Sacconago – ha affermato la vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli in occasione della presentazione –. Il merito è delle sale che hanno saputo superare gli ostacoli di questo terribile periodo: l’Amministrazione ha stanziato una somma a loro supporto che non è stata ridotta, ma aumentata, seppur di poco, anche adeguando i criteri del bando alla situazione, perché eravamo consapevoli che la chiusura di una sala avrebbe significato rinunciare a un presidio contro il degrado morale e materiale. Busto ha ancora 8 sale teatrali, ciascuna con le sue peculiarità, grazie agli operatori culturali e al supporto dell’Amministrazione e degli sponsor privati. Sta ora al pubblico tornare a riempire le sale: invito tutti a frequentare i teatri e i nostri luoghi di cultura, da cui nessuno si deve sentire escluso, perché sono luoghi di benessere, in cui si sta bene».

Il programma completo di BA Teatro

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore