Varese News

Letizia Moratti dice che “il monopolio di Trenord deve finire”

Da Bergamo la candidata del "terzo polo" si schiera per un cambio radicale sul trasporto ferroviario, già sostenuto dalle opposizioni: "Metterò a gara il sistema, ci saranno miglioramenti"

trenord passante

«Il monopolio di Trenord deve finire». Da Bergamo l’uscita della candidata presidente Letizia Moratti fa rumore. Perché il capitolo del trasporto ferroviario è uno dei maggiori in mano alla Regione, perché fin qui le richieste di andare oltre il monopolio arrivavano dal centrosinistra. E invece ora è anche la candidata venuta dal centrodestra a fare propria la richiesta.

«Troppe le criticità, le cancellazioni di corse, i ritardi e i disagi per i tantissimi lombardi che, quotidianamente, prendono il treno per recarsi al lavoro, a scuola e all’Università» ha continuato Moratti, che si candida sostenuta da una sua civica, da Azione e da Italia Viva.

La critica a quel che esiste è normale, siamo in campagna elettorale. Ma il punto è che qui viene indicata una strada alternativa, peraltro la stessa sostenuta anche dal centrosinistra: «Da presidente metterò a gara il sistema del trasporto pubblico locale, eliminando il monopolio, che ha dimostrato di essere inefficiente» assicura Moratti.

Cosa significa? Significa che le linee verrebbero messe “a gara”, per lotti, affidandole a chi fa la migliore offerta dal punto di vista del servizio, non solo di costo. «Le analisi di mercato dimostrano che in Francia e in Germania, mettendo a gara i servizi di trasporto pubblico, c’è stato un risparmio del 30% e una migliore qualità» (tra l’altro in Germania ad esempio alcune gare sono state vinte da società di cui è azionista il gruppo FS Italiane).

Fino ad oggi Regione Lombardia ha deciso di confermare il contratto di servizio senza gara a Trenord, che è di proprietà al 50% del gruppo FNM, controllato dalla stessa Regione. L’altro 50% di Trenord è di Trenitalia, gruppo FS. I rapporti dei vertici della Regione con il gruppo di proprietà dello Stato non sono idilliaci: l’assessore ai trasporti Terzi spesso è intervenuta per ricondurre le criticità del servizio ferroviario ai guasti della rete FS.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore