Varese News

“Ti faccio la spesa”, una rete di volontari di condominio per gli anziani

La proposta di +Gallarate, che potrebbe essere un modo adatto al tessuto delle città: si riducono spostamenti e ci si basa sulla conoscenza reciproca

Le case popolari segnate dal tempo (inserita in galleria)

Il servizio – lo si sta ancora costruendo – si chiama “Ti Faccio la Spesa”. È stato proposto da alcuni giovani della lista civica +Gallarate, con l’idea di portare la spesa agli anziani e alle persone fragili sul territorio di Gallarate.

L’idea è di svolgere piccole commissioni per le persone in difficoltà che abitano nello stesso condominio., una dimensione che bene si adatta alla realtà della città: non consentirà di arrivare ovunque, ma potrebbe coprire almeno una parte delle esigenze. E contemporaneamente contribuirebbe a ridurre gli spostamenti (una persona che fa la spesa per due o tre).

Il meccanismo è semplice: all’ingresso dell’abitazione, nell’atrio o nella bacheca condominiale, si espone l’avviso (scaricabile a questo link) inserendo i contatti del volontario di casa, che diventerà il punto di riferimento per tutti i residenti del palazzo per acquistare cibo, medicinali o qualsiasi altra emergenza. Il tutto, possibilmente, evitando un contatto diretto e nel rispetto delle normative di sicurezza previste dalle recenti ordinanze.

«Vogliamo dare un contributo alla comunità in questo momento difficile, e tutti avranno la possibilità di aiutare», spiegano i promotori dell’iniziativa. La rete di volontariato è infatti aperta a tutti: chiunque potrà scaricare il modulo e diventare Volontario di Condominio per aiutare chi ha bisogno. Domenica 15 marzo alle ore 11 in diretta streaming sui canali social (Instagram e Facebook) di +Gallarate sarà presentata nel dettaglio l’iniziativa.

È una iniziativa, tra altre proposte. Il Comune di Gallarate prevede di potenziare i pasti caldi per persone non autosufficienti. E c’è già anche la mappa di VareseNews (a Gallarate avviata insieme a Sei di Gallarate se ®) per chiedere consegne a domicilio. Ognuno può usarla ma può essere utile soprattutto per chi non è in grado di muoversi da casa: alcuni esercizi hanno già difficoltà ad assicurare le consegne.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore