Il consorzio ET Villoresi ribadisce: “Le alzaie rimangono chiuse. In corso un confronto coi sindaci”

Il presidente Alessandro Folli conferma la chiusura annunciata il 20 marzo, dopo che nel primo giorno della fase 2 erano tornate diverse persone sulle sponde del canale Villoresi e del Naviglio Grande

fase 2 canale villoresi naviglio grande

«Le strade alzaie di competenza del consorzio restano al momento chiuse. Attualmente è in corso un confronto con i sindaci per verificare eventuali allentamenti del provvedimento». Torna a farsi sentire il consorzio ET Villoresi. Il secondo giorno della cosiddetta fase 2 della lotta al coronavirus ha visto diverse persone tornare sulle alzaie dei corsi d’acqua che attraversano le città del basso Varesotto e dell’Alto Milanese.

Galleria fotografica

La fase 2 sul canale Villoresi e sul Naviglio Grande 4 di 14

«Le strade alzaie sono del tutto erroneamente indicate molto di frequente come “ciclabili”» ha dichiarato il presidente del consorzio di via Ariosto a Milano, Alessandro Folli. «Queste – ha spiegato – sono destinate prioritariamente alla gestione e manutenzione dei canali (in particolar modo ora che è avviata la stagione irrigua con la necessità di presidio e manovra dei manufatti di derivazione presenti sui canali). Tuttavia – ha sottolineato – di norma viene consentito l’utilizzo delle alzaie, oltre che a mezzi agricoli o ad altri mezzi autorizzati per l’accesso ad aree intercluse, anche a pedoni e ciclisti. L’uso promiscuo e le caratteristiche di questi passaggi (ed in particolare la loro larghezza oltre che alla mancanza in molti punti di parapetti) richiedono la massima prudenza nel percorrerli, nel rispetto delle regole definite dallo specifico regolamento consortile (quali ad esempio i limiti di velocità di 10 o 15 km/h secondo i tratti) per tutti gli utilizzatori».

«Le alzaie rimangono chiuse»

«Purtroppo siamo stati costretti ad adottare, a malincuore, l’ordinanza di chiusura della percorrenza ciclopedonale delle alzaie direttamente gestite dal Consorziol’ordinanza non riguarda infatti le alzaie gestite da Città metropolitana, Province o Comuni – proprio a causa dei frequenti casi di assembramento verificatisi, nonostante i divieti già in atto e il presidio effettuato in molti casi dalle Amministrazioni comunali attraverso le forze di polizia locali; il personale consortile deputato alla manutenzione dei canali non può infatti farsi carico del rispetto, da parte di terzi, delle regole restrittive su chilometri e chilometri di alzaie” questo il commento del Presidente del Consorzio Alessandro Folli. Se da un lato alcuni vorrebbero riservate le alzaie per gli spostamenti casa-lavoro (peraltro spesso non compatibili con i limiti di velocità disposti per motivi di sicurezza), altri per semplice attività sportiva e i pedoni per poter effettuare passeggiate anche in famiglia e con i bambini, le loro caratteristiche sono tali da non consentire una separazione negli utilizzi. Inoltre la lunghezza dei percorsi e i numerosi punti di accesso nelle diverse direzioni non consentono eventuali azioni di contingentamento degli ingressi e, in molti tratti, neppure il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro da parte di chi si trova sulle alzaie. Da qui la decisione assunta di non ritirare al momento l’ordinanza di chiusura dello scorso 20 marzo. ETVilloresi ha comunque espresso alle amministrazioni locali la piena disponibilità a valutare suggerimenti e proposte al fine di poter garantire nuovamente al pubblico la fruizione delle alzaie in sicurezza. Attualmente – ha concluso Folli – è in corso un coordinamento con i Sindaci, resisi disponibili a forme di interazione e collaborazione, per verificare congiuntamente prossimi allargamenti del provvedimento».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 Maggio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La fase 2 sul canale Villoresi e sul Naviglio Grande 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore