Varese News

Mercato valutario: non solo euro dollaro, tutte le valute da monitorare per fare forex trading

Il mercato valutario nel corso dell'anno ha suscitato un forte appeal tra gli investitori

trading

Il mercato valutario nel corso dell’anno ha suscitato un forte appeal tra gli investitori: per coglierne le motivazioni, è sufficiente osservare la cavalcata del dollaro statunitense, che si è rafforzato non solo nei confronti dell’euro, ma anche nei confronti di molte altre divise internazionali, creando numerosi spunti operativi su tutte le scansioni temporali; una condizione che secondo gli addetti ai lavori perdurerà nei mesi a venire. Tuttavia il focus degli operatori non è incentrato solo sulle valute tradizionalmente più trattate sul foreign exchange market come ad esempio il già citato eurusd o il cable, difatti fra le cosiddette major grande interesse riscuotono le coppie che hanno come uno dei sottostanti lo yen.

Considerazioni degli analisti sul Giappone e la sua valuta

Gli esperti di forex trading ritengono, nella fattispecie, che le condizioni strutturali del Giappone a livello di sistema paese siano quantomeno particolari e non del tutto sostenibili per lungo tempo: un cambio di scenario da questo punto di vista aprirebbe la strada a ghiotte opportunità.

La BOJ, in particolare, è una delle poche Banche Centrali a livello mondiale ad essere in piena espansione monetaria; nonostante le manovre di easing però, a differenza di ciò che avviene nel resto del globo, le rilevazioni sull’inflazione mostrano dei valori molto contenuti, non certo i livelli negativi del paese in deflazione cronica che abbiamo imparato a conoscere negli ultimi decenni, ma comunque anomali per l’attuale momento storico. In sostanza, con una bilancia commerciale significativamente negativa e una valuta molto debole, il Giappone non importa inflazione; una singolarità soprattutto se si considera il peso dell’approvvigionamento energetico: non è un caso se gli analisti finanziari rimarcano spesso la dipendenza da combustibili fossili -acquistati in dollari- per oltre la metà del fabbisogno nazionale.

La Bank of Japan, inoltre, è la sola che esercita un controllo diretto sulla curva dei rendimenti dei titoli di stato: difatti, ogni volta che lo yield del decennale nipponico supera i 250 bps, acquisti mirati riportano il valore al di sotto del cap. Questa azione di ancoraggio, ovviamente, ha come effetto primario la svalutazione dello yen; bisognerà solo osservare fino a dove potrà spingersi la BOJ, prima di essere costretta a scegliere tra il sostegno del debito e la difesa della valuta.

Investire sul mercato valutario con i broker forex

Per sfruttare gli spunti operativi che potrebbero concretizzarsi in coincidenza di un cambio di guidance della Banca Centrale, è possibile negoziare le coppie di valute che hanno per sottostante lo JPY, utilizzando le piattaforme di trading messe a disposizione dai forex broker. Questi tool, infatti, sono equipaggiati con tutte quelle funzionalità essenziali per l’implementazione di strategie operative da definire su orizzonti temporali molto brevi o su orizzonti temporali di medio e lungo termine.

L’infrastruttura grafica, in particolare, consente di analizzare le quotazioni dei sottostanti trattati ed individuare i pattern in base ai quali disporre gli ordini di compravendita. La leva finanziaria, resa disponibile per sfruttare le tendenze infragiornaliere, può essere gestita con dispositivi come gli stop loss e gli ordini condizionati coadiuvati da un rigido money management, per avere sempre una corretta taratura del rischio. Anche la console per l’esecuzione dei trade è concepita in modo tale da garantire rapidità e maneggevolezza nella fase operativa, soprattutto nella speculazione di breve termine.

I broker online naturalmente sono autorizzati nell’attività intermediazione dagli Organi di Vigilanza, ma l’aspetto davvero notevole della loro gamma di servizi consiste nel saper abbinare a dei tool di negoziazione estremamente avanzati condizioni economiche molto vantaggiose. I forex account, infatti, sono sottoscrivibili con piccole somme di denaro e non prevedono alcun costo né per l’apertura del rapporto né per la sua gestione; inoltre, prima di attivare un conto, è possibile valutarne le caratteristiche attraverso una demo, alimentata con fondi virtuali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore