Varese News

Temperature alte, anche Gallarate rinvia l’accensione dei riscaldamenti

Ordinanza del sindaco, viste le condizioni meteo: fino al 31 ottobre non si potrà accendere gli impianti. Deroghe per asili, scule, ospedali, case di riposo e altre categorie

caldaia scaldabagno fiamma

È metà ottobre passata, ma sembra metà settembre, con temperature quantomai miti, anche di notte. E così, al pari di Varese, anche il Comune di Gallarate posticipa l’accensione (meglio: l’autorizzazione ad accendere) del riscaldamento.

«Si comunica che l’accensione degli impianti termici a combustione ad uso riscaldamento sarà posticipata al 31 Ottobre 2022» dice il sindaco Andrea Cassani.

Quindi: caldaie da riscaldamento spente e termostati disattivati ancora per dieci giorni, nelle case private, negli uffici e simili.

L’ordinanza invece non si applica agli edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili, a scuole materne e asili nido, a piscine, saune e assimilabili e da ultimo agli edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali e assimilabili, “nei casi in cui ostino esigenze tecnologiche o di produzione”.

Il termine del 31 ottobre è lo stesso fissato anche dalla città di Varese ieri.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore